giovedì, 23 Settembre 2021
HomeArea Urbanistica e TecnicaL'essere umano e la città

L’essere umano e la città

Abel Ferrara, Foto di Aude Guerrucci
Abel Ferrara, Foto di Aude Guerrucci

18/05/2021 – Giovedì 27 maggio, alle h.19, AMA-Accademia Mendrisio Alumni, in collaborazione con USI-Accademia di architettura e il Locarno Film Festival, ospiteranno, presso il Teatro dell’architettura di Mendrisio, un incontro con il noto regista newyorkese Abel Ferrara dedicato all’interazione tra il cinema e l’architettura. L’appuntamento “L’essere umano e la città. Il paesaggio urbano e spirituale nel cinema di Abel Ferrara” sarà l’occasione per dialogare con il regista americano, che sarà presente a Mendrisio, sul rapporto tra l’uomo e il territorio fisico e spirituale.

Dalle metropoli americane maledette ai paesaggi urbani europei, sino alla vastità degli scenari naturali, Abel Ferrara ha sempre ideato e ambientato personaggi tormentati in balìa di demoni interiori, eppure in cerca di redenzione, salvezza e vie d’uscita.
 
In questi percorsi alla ricerca del riscatto, i territori, i paesaggi e gli ambienti diventano segni dell’ansia di riscatto dei suoi personaggi – interpretati da attori del valore di Willem Dafoe, Christopher Walken, Harvey Keitel, Gerard Depardieu, tra gli altri.
 
Abel Ferrara: “Come ha scritto Pasolini, la migrazione verso la città fu l’inizio dell’alienazione di una classe di persone da cui è stata strappata la loro connessione con il cibo che mangiano e l’aria che respirano fino alla loro connessione spirituale con la terra, per diventare completamente un’altra razza”.
 
“Abel Ferrara è una delle presenze più forti e affascinanti del cinema mondiale” dichiara Giona A. Nazzaro, Direttore artistico del Locarno Film Festival. “Emerso dalle profondità del cinema underground di una New York che non esiste più, ha reinventato il noir urbano sviluppando una poetica sofferta e profondamente spirituale. Inquieto esploratore delle forme del cinema, ha realizzato alcuni dei film più iconici degli ultimi quattro decenni. Trasferitosi in Italia ormai da molti anni, Ferrara ha reinventato ancora una volta il suo cinema, ampliando ulteriormente la sua libertà espressiva. La conversazione con Ferrara dell’Accademia di architettura di Mendrisio permetterà di incontrare un cineasta leggendario e amato in tutto il mondo”.
 

Articolo pubblicato da archiportale.com

Ultimi Articoli