venerdì, 9 Dicembre 2022
HomeArea Urbanistica e TecnicaGli inventari di Du Pasquier

Gli inventari di Du Pasquier

Campo di Marte, la prima grande personale italiana dell’artista Nathalie Du Pasquier, va in scena al Macro di Roma nell’ambito del progetto Solo/Multi, la sezione di museo per l’Immaginazione Preventiva curata da Luca Lo Pinto.

La mostra, un corpus di oltre cento opere realizzate dagli anni Ottanta fino a oggi, è organizzata come un’unica grande e dinamica installazione, in cui opere di epoche diverse dialogano tra loro. Per l’eclettica artista e designer francese, infatti,la realtà è una sorta di «inventario dal quale possiamo prendere tutto e ritrasformarlo in un mondo altro».

Così dipinti, sculture, disegni, modelli,
libri, tappeti e ceramiche, sempre in bilico tra rappresentazione e astrazione,
si alternano in un percorso espositivo organico ed estremamente
coinvolgente. Campo di Marte è anche il nome di un libro,
edito da Humboldt, realizzato durante il periodo di lockdown. «Non è affatto un
catalogo», avverte l’artista, «e lo si potrà guardare anche in metropolitana».
Il volume raccoglie ritagli fotografici
di quadri realizzati tra gli anni Ottanta e il 2020
, installati in sequenza
come fossero caratteri tipografici. Il risultato è un gioco di nonsense, un
‘surrealismo quotidiano’ in cui le immagini si intrecciano con parole pescate
dal mondo dei libri: titoli, poesie, semplici calcoli. 


Campo di Marte
Macro, Museo d’Arte Contemporanea di Roma
3 febbraio – 20 giugno 2021


Abitare © RIPRODUZIONE RISERVATAArticolo pubblicato da abitare.it

Ultimi Articoli