giovedì, 23 Settembre 2021
HomeArea Urbanistica e TecnicaA Roma il primo hotel del marchio 'The Hexton'

A Roma il primo hotel del marchio ‘The Hexton’

© The Hoxton
© The Hoxton

19/05/2021 – Dopo un anno particolarmente difficile per il settore alberghiero, finalmente si assiste ai primi cenni di ripresa grazie a riaperture e inaugurazioni di nuovi luoghi per il turismo. Tra le nuove aperture anche The Hoxton Rome, il primo hotel in Italia del marchio inglese nato nell’East London e il decimo della collezione.
Dall’apertura nel 2006 del primo The Hoxton, il brand conta oggi diverse strutture in alcuni dei quartieri chiave d’Europa e del Nord America. Tra le location, Londra (Shoreditch, Holborn e Southwark), Parigi, Amsterdam, New York, Portland, Chicago e Downtown LA.

Situato in un edificio degli anni ’70, The Hoxton, Rome si trova ai Parioli, uno dei quartieri più esclusivi della Capitale. 192 camere da letto dal design anni ’70; Cugino, una caffetteria e bar per l’aperitivo in collaborazione con il ristorante e micro-bakery locale Marigold; una grande lobby aperta; una suggestiva terrazza esterna; e L‘Appartamento, uno spazio unico per riunioni ed eventi.
Un secondo ristorante aprirà a settembre 2021.

Ennismore Design Studio ha trasformato radicalmente l’edificio degli anni ’70 in un The Hoxton,collaborando con Fettle Design per il disegno degli spazi pubblici e attingendo a piene mani dai dettagli originali dell’edificio e dalla ricca architettura della Città Eterna. La facciata dusty pink è rimasta in gran parte intatta, mentre all’interno, l’edificio è stato completamente rivoluzionato, trasformato in uno spazio modernista degli anni ’70 con un piano terra che comprende una grande lobby aperta inondata di luce naturale; un ampio bancone bar e caffetteria dalle linee curve e una nuova terrazza esterna ombreggiata. Marmi locali e battuto di terrazzo alla veneziana sono presenti in tutto lo spazio sui ripiani dei tavoli e sui frontalini dei bar, insieme agli elementi di design che sono la cifra stilistica dei The Hoxton, come i rivestimenti alle pareti e i pavimenti in legno. Nella lobby, texture elaborate e colori accesi caratterizzano i divani di tendenza, mentre l’illuminazione italiana vintage rende gli interni ancora più accoglienti.

Le stanze prendono spunto dagli interni nostalgici dei grandi classici del cinema italiano, che hanno reso celebre Roma. Queste presentano pavimenti in parquet rustico, travi laccate e pietre locali, mentre i bagni dai colori vivaci strizzano l’occhio al design italiano degli anni ‘50. Tutte leggermente diverse, le camere vantano preziosi rivestimenti in legno, una testiera disegnata su misura e un mix eclettico di arredi. In alcune delle camere più grandi, sono stati recuperati dall’edificio originale splendidi lampadari in vetro di Murano. 

L’edificio esistente era carico di elementi italiani tipici degli anni ’70, che sono stati ripresi e hanno fornito un buon punto di partenza per lo studio nella ricerca in tutta Italia e in Europa di arredi di design antichi e vintage italiani. I dettagli più significativi dell’architettura locale e del quartiere sono stati reinterpretati e riproposti in chiave inedita, infondendo un senso di familiarità che accomuna tutti gli hotel The Hoxton e li rende così autentici rispetto al contesto che li ospita.

The Hoxton, Rome parte con l’iniziativa “Neighbourhood Nights” (Notti del Quartiere), che offre ai residenti romani la possibilità di soggiornare e vivere l’hotel per soli €50 a notte. Tutto il ricavato andrà devoluto al Binario 95, un hub sociale e un centro di accoglienza aperto giorno e notte per le persone senza dimora a Roma. Le Neighbourhood Nights si svolgeranno il 13, 14 e 15 giugno 2021.

Articolo pubblicato da archiportale.com

Ultimi Articoli